Balkitalia: ripresa dal 2014


quando riprenderà la crescita in Italia

Un 2013 ancora negativo per l’Italia, con la ripresa attesa soltanto nel 2014. Si allungano quindi i tempi per una risalita del nostro paese, secondo quanto annunciato da Bankitalia.

Nel 2013 previsto Pil negativo, un maggior calo dei consumi ed un aumento della disoccupazione.

Secondo quanto descritto da Bankitalia, il Pil sarà in calo del 2,1% nel 2012, in linea con quanto stimato nello scorso mese di luglio.

L’Italia tornerà a crescere a partire dalla seconda metà del 2013, con le previsioni riviste comunque al ribasso, da -0,2% ad un più pesante -1%.

Migliorano nel frattempo i risultati della finanza pubblica: nel 2012 il rapporto tra deficit e pil si è attestato attorno al 3%, rispetto il 3,9% registrato nel 2011.

Il debito pubblico dopo aver raggiunto la cifra record di 2.020 miliardi di euro a novembre 2012, sarebbe calato al 31 dicembre 2012 sotto 1.990 miliardi di euro.

Con riferimento ai consumi, dopo il -4,1% stimato per l’intero 2012, per il 2013 è previsto ancora un calo dell’1,9%, e un ritorno in territorio positivo soltanto nel 2014 (+0,2%).

Balkitalia prevede in crescita il tasso di disoccupazione anche nei prossimi mesi, con una stabilizzazione prevista soltanto nel 2014.

Invece prospettive positive per l’inflazione, che è attesa sotto il 2% nel biennio 2013-2014.

Continua: Disoccupazione in Italia nel 2014





Lascia una risposta