Anche l'economia della Germania rallenta

economia-tedescaL’economia tedesca rallenta nel 2012 e delude le attese degli analisti.

La prima economia in Europa si è quindi fermata: in base ai dati diffusi dall’Ufficio federale di statistica, nel quarto trimestre 2012 il prodotto interno lordo della Germania è calato dello 0,5%, quindi tecnicamente i tedeschi sono entrati in recessione.

E le previsioni per il 2013 non sono migliori: si stima una crescita di soltanto lo 0,5%.

La recessione dell’ultimo trimestre dell’anno scorso ha quindi peggiorato i dati per quanto concerne il 2012: la crescita tedesca è stata appena dello 0,7% nell’anno appena trascorso, rispetto il 3% del 2011 ed addirittura il 4,2% registrato nel 2010.

Sono rallentate soprattutto le esportazioni: dal tasso del 7,8% del 2011 si è passato al 4,1%, con gli investimenti che sono calati del 4,4%.

Il quadro economico si fa sempre più ostile, anche se occorre sottolineare che il paese tedesco sta meglio di molti altri, Italia in testa, ma non rappresenta più un’eccezione al trend generale.

Nel frattempo i mercati sono in “subbuglio” dopo che i media hanno diffuso la notizia secondo la quale la Bundesbank avrebbe iniziato una operazione diretta a far rimpatriare parte delle sue riserve d’oro (custodite negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Francia).

L’economia tedesca è comunque attesa in crescita nel 2014 all’1,6%.

Borsa
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica