Addizionali locali più pesanti, stipendi più leggeri

Addizionali locali più pesanti, stipendi più leggeri

Pensioni e buste paga degli italiani dal 2010 molto più leggere a seguito dell’aumento delle addizionali comunali e regionali Irpef. È quanto rilevato dall’Ufficio studi della Cgia: una crescita media di oltre il 30%.

Tra le categorie più colpite i pensionati (+34%) e gli operai (+36%).

Il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, ha sottolineato come le addizionali comunali e regionali Irpef sono notevolmente aumentate nel corso degli ultimi anni, esattamente a partire dal 2010.

In media un pensionato con un assegno di 1.000 euro al mese, nel corso degli ultimi 5 anni,  ha registrato un maggiore esborso di 85 euro, pari al 34 per cento. Aumento più alto in Italia registrato a Catanzaro, ovvero + 149 euro (+49%).

Sempre secondo l’indagine della Cgia, un operaio con una retribuzione mensile di circa 1.280 euro, ha registrato un aumento dell’imposizione fiscale del 36% pari a 121 euro. Livello più alto a Venezia: +237 euro (+126%).

Un impiegato che percepisce una retribuzione di circa 2.000 euro al mese, ha dovuto sborsare 189 euro in più (+30 per cento). In tal caso le città con gli aumenti maggiori sono state Catanzaro e Napoli: + 335 euro (+49 per cento.

Finanza
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica