Dalla Nuova Zelanda la notizia del ritrovamento di vecchi film prodotti in America

Questa notizia dovrebbe fare gola a tutti gli appassionati della storia del cinema, del cinema americano in particolar modo.

La magazine Variety ha riportato la news per la quale in Nuova Zelanda, in un caveau della cineteca New Zealand Film Archive,

75 pellicole di film prodotti in America nel primo Novecento sono state rinvenute per conto dei responsabili dell’istituto.

A loro stesso dire si tratta di “Una capsula del tempo della produzione cinematografica americana tra il 1910 e il 1920”.

Chi conosce la storia del cinema americano saprà che proprio in quegli anni è nato il moderno cinema di consumo, grazie alle innovative tecniche narrative e visive del pioniere David Wark Griffith.

Il quale, per dirla in poche parole, nient’altro fece che inventarsi la tecnica del montaggio per assegnare al cinema un linguaggio proprio di confezionamento e narrazione delle proprie opere.

Tra i film ritrovati in Nuova Zelanda ce ne sono alcuni inediti diretti da John Ford, tra i quali Strong Boy, film del 1927 del quale è stato conservato il trailer.

Ritrovati anche film di Méliès, Murnau, ed i prossimi serial prodotti dalla Universal Pictures. Un vero e proprio bottino dai lingotti d’oro questo per l’archivio neozelandese, speriamo che i film più meritevoli usufruiscano di un restauro e rispettiva distribuzione per il mercato mondiale.

john ford 1929 strong boy