Opel OPC corsa

Definirla vistosa ed ostentante e’ direi poco!
Alla OPC hanno tirato fuori un bodykit assolutamente originale, forse molto vicino al mondo del tuning e dell’esclusivita’ delle supercar.
Bellissima da ogni angolazione e cattivissima. originale lo scarico triangolare che la rende subito riconoscibile. i cerchi in lega sono da 17 pollici e lasciano in bella mostra le pinzone (blu anche esse come il colore della OPC) dando un uteriore tocco Racing.
Salendo a bordo la situazione migliora uteriormente: sembra di entrare in una vettura da superturismo.I sedili sono rubati al mondo delle corse ed infatti sono prodotti dalla Recaro, mentre tutto il resto dell’abitacolo e’ stato riempito di elementi in alluminio dal forte carattere sportivo.
Veniamo ai pezzi forti: il motore e il comparto sospensioni e freni.
Anche in questo caso troviamo un 1600cc turbo di provenienza Opel, debitamente rivisitato dagli specialisti OPC.
I cavalli sono 192cv a 5’850 giri; la coppa massima di 23,5 kgm (230 Nm), e’ disponibile in un’ampia gamma di regimi di rotazione (da 1’980 a 5’850 giri/minuto) e puo’ essere aumentata temporanamente del 15% circa, fino a 27,1 kgm (266 Nm), grazie alla funzione overboost, assicurando un corrispondente incremento delle prestazioni. Il raffreddamento e’ ad acqua ed e’ il frutto della progettazione congiunta Opel-BorgWarner Turbo Systems. Il propulsore e’ “leggerissimo”: 131 kg, appena 15 in piu’ rispetto alla corrisponde versione atmosferica e 15 in meno (dice Opel) dei turbo concorrenti della stessa cilindrata.
Curiosita’: e’ un motore pensato per il futuro: “Il convertitore catalitico e la nuova centralina elettronica a tecnologia ibrida lo rendono facilmente adattabile alle future normative (Euro 5) sulle emissioni dei gas di scarico. In fase di progettazione sono state considerate anche le esigenze delle alimentazioni a metano ed a biocarburante (alcool) assicurano gli ingegneri.
Il peso della vettura e’ di 1’205kg che sicuramente non sono pochi, ma comunque permettono a questo piccolo demonio di toccare i 100kmh da ferma in 7,2 sec e di raggiungere ben 225kmh, in sesta marcia, di velocita’ massima.
Anche per lei l’assetto e’ ribassato (solo 15mm) ed irrigidito del 25% (non poco) grazie a nuovi elementi delle sospensioni. Stessi provvedimenti anche per i freni cresciuti nel diametro (ben 308mm quelo dei dischi anteriori, che sono ventilati) e dotati di pinze piu’ grandi rispetto alle standard.
Per darvi un’idea di quello che questa vettura e’ in grado di fare vi basti sapere che e’ riuscita a stampare il record di categoria nel piu’ terribile dei circuiti: il Nurburgring, ovvero ben 21km di tracciato che la quì presente ha percorso in soli 8′:47″:44 avvicinandosi molto pericolosamente ai tempi di auto ben piu’ blasonate di lei quali Lotus Exige, Honda S2000 che hanno rispettivamente girato in 8′:32″:.. , 8′:38″:.. surclassando invece la Volkswagen Golf GTI V( 8′:53″:..)
Il costo di questa belva parte da 22’800 euro chiavi in mano ai quali vanno aggiunti gli accessori. Non e’ stato possibile avere un massimo prezzo in quanto il sito della Opel non comprende un comodo configuratore.

Auto
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica