New Clio

Anche la New Clio ha visto aumentare le sue dimensioni di 18 cm in lunghezza (ma non arriva ai 4 m) e 7 cm sia in larghezza che in altezza. All’anteriore troviamo un cofano motore molto corto (dovuto al forte avanzamento del parabrezza) ed un frontale aggressivo, ma piacevole. Da’; l’impressione di compattezza, grazie anche all’associazione tra linee tese, superfici liscie e “muscolosi” passaruota, che fanno apparire l’auto stabile e “ben poggiata” al suolo come vuole l’attuale tendenza. Ancor piu’ attraente il posteriore, probabilmente la parte piu’ riuscita, che grazie soprattutto al taglio del lunotto e dei gruppi ottici risulta “sbarazzino” ed elegante allo tempo stesso.
Interno e’ molto piacevole: La plancia haun disegno elegante e soprattutto i materiali sono di qualita’; decisamente elevata a differenza delle versioni precedenti che evidenziavano scricchiolii a sai mesi dall’uscita dalle concessionarie. Il quadro strumenti risulta facilmente leggibile ed e’ integrato da un computer di bordo e dall’indicatore di livello dell’olio. A stonare, e’ forse il volante a quattro razze, con la zona centrale particolarmente estesa che non rende l’impugnatura ottimale. Stramamente le leve per i comandi di luci e tergicristalli sono corte e quindi nascoste alla vista del guidatore dal volante stesso. Buoni i sedili: eleganti e rifiniti sono comodi e ben avvolgenti, spero che non siano cedevoli come quelli della vecchi versioni. Lo spazio interno e’ relativamente abbondante sia avanti che dietro. Anche il bagagliaio offre una buona capacita’; (dichiarata a 285 litri). Il vano ha una forma regolare ma e’ penalizzato dalla soglia di carico alta. Quest’ultima soluzione progettuale e’ pero’ necessaria per ottenere una scocca piu’ rigida e quindi piu’ sicura. Motore: avviando il 4 cilindri si nota la rumorosita’; veramente contenuta ed il ronzio del propulsore e’ appena percettibile, persino al minimo. Un risultato degno di autovetture ben piu’ blasonate, e reso possibile principalmente da due fattori: da un lato l’eccellente insonorizzazione dell’abitacolo. Dall’altro le raffinate caratteristiche tecniche del propulsore, dotato del sistema di iniezione Common Rail di ultima generazione con attuatori piezo-elettrici che migliorando la combustione del gasolio eliminano buona parte del rumore generato dall’esplosione del combustibile.
I consumi sono veramente da record consentendo ben 22.7kml nel ciclo combinato grazie anche al cambio a sei rapporti
Ottimo il cambio che e’ frutto della collaborazione con Nissan, ma stessa cosa non possiamo dire dello sterzo: la servoassistenza elettrica utilizza un software che permette di impostare la risposta del volante in sedici livelli, ma nessuno di questi e’ schietto non permettendo al guidatore di capire bene la reazione dello sterzo nell’impostazione della curva. Fortunatamente nella guida sportiva questa senzazione e’ compensata dall’ottimo abbinamento telaio-sospensioni che garantiscono tenuta e ottimo controllo del mezzo.
Ottime, come al solito per la Renault, le dotazioni di sicurezza che comprendono tutti i moderni sistemi di aiuto elettronici.

Auto
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica