Mini John Cooper Works

Antonella Palumbo
  • Autore - Laurea in Scienze Politiche

Dalla pista alla strada basta mettere la targa! Motore, cambio, telaio, freni e cerchi in lega da 17″ presi direttamente della vettura da corsa del Mini Challenge 2008.
mini_john_cooper_works_1
Questa nuova Mini John Cooper Works vuole proprio infastidire le sportive di classe superiore con i suoi 238 km/h di velocità massima e lo 0-100kmh bruciato in 6,5 secondi.

Stavolta sono ben 211 CV e tantissima coppia a disposizione (260 Nm che salgono a 280 con l’azione dell’overboost già a partire dai 2000 giri) a spingere a tutta forza la vetturetta (tedesca o inglese?)uniti però a consumi ed emissioni, dichiarati, da utilitaria: omologazione Euro 5 e 14kml nel ciclo combinato sono le credenziali di questa piccola furia.
Numerosi i componenti che hanno ricevuto attenzioni dai progettisti, oltre a quelli sopraccitati: il servosterzo elettromeccanico Eps e l’acceleratore elettronico le cui risposte sono state ritarate e posso essere gestite tramite la modalità “Sport” (attivabile tramite il tastino situato vicino al’ottimo cambio manuale a sei marce) che li rende ancora più reattivi.

Fantastica anche la nuova configurazione esterna ripresa da un kit estetico aftermarket molto in voga tra i proprietari della precedente versione della Mini Cooper S e molteplici le personalizzazioni disponibili che rendono quasi garantita l’impossibilità di vederne due uguali in tutto e per tutto!

Fantastici anche i sedili sportivi che aiutano il guidatore a sentirsi in una vera auto da corsa: go-kart-feeling lo chiamano in Mini e si traduce in prestazioni, controllo della vettura superbo grazie all’assetto, rigidissimo, che esalta la guida sportiva ed in circuito dove il richiamo e diretto all’auto da gara del Challenge!

Prezzo da 29.711,00 euro più optionals, ma attenti: se vi fate prendere la mano con le chicche presenti nel catalogo Mini è facile superare di slancio i 40’000,00!