Alfa 147 GTA

La nuova Alfa 147 GTA monta il mitico motore V6 (creato dal Grande Ing. Busso) portato a 3,2 litri e capace di sprigionare ben 250cv a 6’200 girimin e 300Nm di coppia a 4’200 girimin.

Ne usci’ una vettura molto pesante all’anteriore che faticava a scaricare a terra tutta quella coppia e potenza sulle ruote anteriori.

Il problema venne risolto grazie a varie modifiche: carreggiate piu’ larghe, nuovi puntoni anteriori, la geometria dello sterzo modificata, nuovo gruppo sospensioni con molle ed ammortizzatori piu’ rigidi e barre antirollio maggiorate in modo da risultare anch’esse molto piu’ rigide. Dal punto di vista elettronico venne sostituito il Controllo della stabilita’ (VDC) con il Controllo della trazione (ASR). Infatti mentre il primo avrebbe limitato il divertimento nella guida sportiva, il secondo era abbastanza necessario per non lasciare kg di gomme nelle partenze da fermo e per non perdere tempo nell’uscita dalle curve.

Grazie a queste modifiche l’auto aveva cambiato carattere: non conosceva sottosterzo, molto reattiva e soprattutto consentiva anche di divertirsi a provocare qualche sovrasterzo rilasciando il gas in curva.

L’abitacolo univa il fascino sportivo dell’Alfa a tutte le comodita’ e le raffinatezze delle brline di lusso: interni in pelle e cromature a go-go.

I sedili contenitivi erano comunque molto confortevoli e le pelli, di indubbia qualita’, richiedevano pochissima manutenzione.

La vettura era dotata di radio con lettore cd, computer di bordo e climatizzatore.

Il prezzo, all’epoca, era il piu’ alto della categoria, ma le dotazioni sicuramente lo giustificavano.

Dato il caro benzina, il caro assicurazioni e il caro bollo, molti proprietari tendono a sbarazzarsi letteralmente della propria GTA, svendendola a prezzi anche sotto ai 12’000 euro.

Di solito, un buon usato parte da questa cifra.

Ci sono pero’ una lunga lista di cose da far controllare pria dell’acquisto per sapere perfettamente cosa si andra’ ad acquistare.

Motore

Prima fra tutte e’ la pompa dell’acqua: ha il girante in plastica che chiaramente tende a creparsi e poi spaccarsi. La sostituzione e’ costosa dato che bisogna smontare la cinghia di trasmiccione, un tensionatore e due pulegge di rinvio, con costo della manodopera abbastanza alto. La soluzione e’ montare il girante del V6 3000 che e’ metallico.

A 70’000 km si deve sostituire la cinghia di distribuzione cosi’ come le candele, dato che quelle della bancata posteriore sono difficili da raggiungere.

Importantissima e’ la sostituzione del filtro dell’olio anch’esso molto difficile da raggiungere e per questo spesso trascurato. L’olio e’ buona abitudine cambiarlo ogni 10’000km al massimo utilizzando il selenia 10w-60, che non e’ molto economico, ma si puo’ acquistare da ricambisti ad un prezzo leggermente inferiore.

Trasmissione.

Il cambio in se per se e’ affidabile, ma ci sono stati molti casi in cui il differenziale si e’ surriscaldato rovinandosi. In questi casi e’ ottima cosa adottare un differenziale autobloccante Torsen, lo stesso delle Q2.

La frizione dura all’incirca 100’000km e la sua sostituzione e’ molto costosa: per arrivarci bisogna smontare le sospensioni anteriori ed il sottotelaio anteriore.

Ci si accorge della fine della vita della frizione se il pedale diventa duro.

In alcune era montato il cambio Selespeed, ma vi sconsiglio di comprare una vettura dotata di questo cambio: l’ho provato su una Fiat Stilo 2,4 e la sua lentezza riduce moltissimo, anzi troppo il piacere di guida, per non parlare del fatto che vi preclude di utilizzare la frizione in casi di emergenza o per tirarvi fuori da una curva ravvivando il motore con una sfrizionata.

Sospensioni e Freni:

I bracci posteriori trasversali sono soggetti a notevole usura, ma comunque la loro sostituzione e’ molto economica. Se sentite un rumore proveniente da dietro il cruscotto, un rumore picchiettante o stridente allora si tratta delle boccole della barra stabilizzatrice. La sua sostituzione e’ molto costosa, sia per quanto riguarda il ricambio che per la manodopera necessaria dato che si dovra’, anche in questo caso smontare il sottotelaio.

ruota 147 alfa gtaPer quanto riguarda l’impianto frenante dovete sapere che tutte le vetture precedenti al 2003 erano dotate di dischi da 305mm di diametro all’anteriore, molto propensi alla deformazione dato il peso dell’auto ed in particolare del muso. Dal 2003 in poi tutte sono state dotate di dischi da 330mm, molto piu’ resistenti. Alcune concessionarie hanno cambiato i dischi dei modelli piu’ vecchi in garanzia con quelli da 330mm, ma non tutte hanno ricevuto questo trattamento. Il problema in alcuni casi risiede anche nei cerchi in lega, quelle dotate di cerchi a raggi multipli non consentivano l’alloggiamento dei dischi da 330mm.

Impianto elettrico:

Se il motore si spegne quando troppo caldo e si rifiuta di ripartire fino a quando e’ freddo allora vuol dire che si e’ guastato il sensore di avviamento.

Carrozzeria

Per quanto riguarda la carrozzeria ci sono solo due avvertimenti:

il meccanismo di rilascio del gancio del cofano se non regolarmente lubrificato e pulito tente a rompersi causando l’apertura del cofano ad alte velocita’: prestateci moltissima attenzione.

Il secondo e’ piu’ un consiglio che un avvertimento. Non prendete auto rosse: per quanto belle tendono a scolorire facilmente.

Non si tratta di certo di un’auto dalla gestione economica e non vi staro’ a parlare di consumi e costi assicurativi dettagliatamente (scordatevi di superare i 9kmlitro e preparatevi a spendere minimo 1’000,00 euro di assicurazione all’anno), ma sicuramente se la comprate non ve ne pentirete: vi regalera’ grandissime emozioni, trasformando anche il piu’ calmo dei guidatori in vero teppista della strada.

Auto
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica