Il mistero delle bare sull’isola delle Barbados


Chase Valut leggenda

E’ l’anno 1812 quando muore Thomas Chase dell’isola di Barbados, un uomo crudele e odiato dagli abitanti dell’isola caraibica.

Come avvenne per gli altri suoi familiari, anche la sua sepoltura fu fatta nella tomba di famiglia; la bara contenente il corpo dell’uomo pesava quasi una tonnellata e per spostare la grande lastra di marmo che chiude il sepolcro occorrono ben quattro uomini di grossa costituzione.

Quando il sepolcro finalmente viene aperto i familiari presenti scoprono con stupore che due bare sono state sbattute contro le pareti e al proprio posto, nel suo ordine c’è solo quella di Dorcas Chase.

 

tomba walronds

Questo fenomeno inspiegabile continuò anche quando morì Samuel Brewster Ames che aveva solo 13 mesi e anche in quel caso quando la tomba fu aperta per riporvi la piccola bara si notò con sorpresa e paura che le bare erano nuovamente spostate e, ancora una volta, solo quella di Dorcas era rimasta in ordine.

Nell’isola di Barbados questa vicenda creò scompigli e curiosità tanto che un gran numero di gente partecipò al funerale di Samuel Brewster per assistere all’ingresso nella tomba.

Lo stesso governatore delle Barbados, inizialmente scettico, dovette ammettere che quanto si diceva era vero.

sepolcro-thomaschase

Fu così che il governatore ordinò di insabbiare il pavimento in modo tale da poter rilevare eventuali  impronte se qualcuno fosse entrato all’interno della tomba.

Passarono diversi mesi quando un giorno il governatore, accompagnato dal parroco, decise di fare ritorno alla tomba e con enorme stupore notò che le bare erano di nuovo spostate e che sul pavimento non vi era alcuna traccia.

Coloro che furono chiamati ad investigare sul caso pensarono che quel disordine fosse creato da spiriti animati da odio e disprezzo nei confronti della famiglia Chase; c’è stato anche qualcuno che ha parlato di magie voodoo, ma in tutte le ipotesi che nel tempo sono seguite sul fenomeno è mancata qualsiasi prova certa, per cui lo spostamento inquietante delle bare continua ad essere coperto da un velo di mistero.

Continua: Maledizione di Tutankhamon.





Lascia una risposta